Vai al contenuto
P.I.M.E. LogoPontificio Istituto Missioni Estere 
P.I.M.E. Giappone
Cappella Casa Regionale

Messaggio

Illuminazione natalizia vicino al confine con la Corea del nord

Giuseppe Cazzaniga

Pontificio Istituto Missioni Estere in Giappone
La Corea del sud disporrà un'illuminazione natalizia presso il confine con la comunista Corea del nord, nonostante la minaccia di rappresaglie di Pyongyang contro ciò che definisce guerra psicologica.

I cristiani coreani, cattolici e protestanti, sono molto fervorosi e non lasciano sfuggire le occasioni che permettono loro di propagandare la fede. Gruppi di fedeli stanno attaccando migliaia di lampadine su tre torri di acciaio, a forma di alberi, che saranno poste sulla cima di colline controllate dai militari. Il ministero della difesa ha autorizzato l'iniziativa.

"L'abbiamo permessa, ha detto il portavoce del ministero, in forza del principio di libertà di espressione e di religione per il nostro popolo e di libertà di attivitàreligiose tra le nostre truppe". L'illuminazione natalizia durerà dal 23 dicembre al 6 gennaio. Truppe sud-coreane sorveglieranno le torri illuminate contro eventuali attacchi da parte del Nord.

Nel 2004 i governi delle due Coree hanno raggiunnto l'accordo di interrompere le illuminazio lungo il confine. Ma Seoul le ha riprese in seguito a un bombardamento da parte del nord contro un'isola sud-coreana presso il confine uccidendo 4 persone.

Il website ufficiale della Corea del nord ha definito l'illuminazione programmata "un meschino tentativo di guerra psicologia", minacciando immediata rappresaglia se le luci saranno accese. Le tre colline, a tre chilometri dal confine, sono nel raggio del fuoco nord-coreano.
Le tre strutture sono alte da 30 a 40 metri e, illuminate da migliaia di lampadine, possono essere viste dalla grande città nord-coreana di Kaesong che si trova ai bordi del confine.

"I nemici guerrafondai, si legge nel website, dovrebbero essere consapevoli di essere completamente responsabili delle inattese conseguenze dell'iniziativa. è qualcosa che non può essee quietamente ignorata".

Già precedentemente il Nord ha accusato il Sud di esibire le illuminazioni natalizie per diffondere il cristianesimo tra il suo popolo e i suoi soldati.
L'agenzia sud-coreana, da cui prendiamo questa notizia, osserva che "nella costituzione della Corea del nord è riconociuta la libertà di religione ma il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti afferma che in pratica non esiste".

P.Giuseppe Cazzaniga
Tokyo, 2011/12/16

Casa regionale

Pontificio Istituto Missioni Estere (P.I.M.E.)
Giappone

6-11-6 Renkoji,
Tama-shi, Tokyo
206-0021 Giappone
Telefono: +81 42 371 9844
Fax: +81 42 371 9624
Accesso